Gianfranco Lotti

Questa storia inizia 60 anni fa in un laboratorio di San Frediano. È qui, nel cuore popolare di Firenze, che è nato il saper fare di alcune piccole pelletterie artigiane ed è qui che inizia la storia di Gianfranco Lotti, e dell’omonimo brand.

Lotti disegna e realizza la sua prima borsa ad appena 14 anni: «Era per mia madre Amneris — racconta — La conservo con cura: è uno dei ricordi più cari che ho». Oggi quel saper fare, coltivato per più di mezzo secolo, consente di produrre collezioni uniche e borse su misura con ogni minimo dettaglio desiderato dal cliente, quelle in coccodrillo arrivano a sfiorare i 40 mila euro di prezzo.

Gli eventi avversi a questa storia sono tanti, a partire dalla grande alluvione del 1966 che costrinse Gianfranco Lotti a ripartire da capo, dal salotto di casa dei suoi genitori.

Arte, amore per la pelle e tanta ostinazione. Tutto questo, a 75 anni suonati, oggi ha riportato Lotti a rimettersi completamente in gioco, ricomprando il proprio marchio, venduto nel 2013 per proseguire sulla strada della continuità del suo modo di fare impresa: globale, ma sempre rigorosamente con una filosofia artigianale

Sito web: www.gianfrancolotti.com